ReviewJumps

Joker

2019 ‧ Film drammatico/film thriller ‧ 2h 2m

Gli occhi quasi spenti di Arthur Fleck (il Joker firmato Joaquin Phoenix), fissi nello specchio che riflette la sua intimità fortemente contrastata tra l’amara delusione di una vita di affanni, ed una voglia di assoluta rivalsa verso un mondo privo di sfumature, dipingono il capolavoro di Todd Phillips. La lacrima scura che solca il candido viso di Arthur sembra rappresentare il cancro che si è impossessato della sua anima, che forzatamente sorride alla quotidianità insoddisfacente. Come non poter sedersi dalla parte di Fleck, come non poter sentire, nel profondo delle viscere, quella sensazione di disagio manifesta verso questa società ormai irrimediabilmente malata, dove in ogni angolo si vede calpestare la bontà: Phillips ha costruito l’anti-eroe Joker sulla base di queste emozioni. Joker è un prodotto hollywoodiano capace di rompere ogni schema filmico contemporaneo e, sebbene la critica si sia nettamente divisa a riguardo, trovo la sceneggiatura di Phillips un trattato di sociologia, un pamphlet politico di efficacia senza pari, una penosa riflessione sullo strapotere e l’onnipotenza dei media, un capolavoro sul disagio della condizione umana. Assolutamente da vedere!!!


Trama – fonte: www.mymovies.it

Arthur Fleck vive con l’anziana madre in un palazzone fatiscente e sbarca il lunario facendo pubblicità per la strada travestito da clown, in attesa di avere il giusto materiale per realizzare il desiderio di fare il comico. La sua vita, però, è una tragedia: ignorato, calpestato, bullizzato, preso in giro da chiunque, ha sviluppato un tic nervoso che lo fa ridere a sproposito incontrollabilmente, rendendolo inquietante e allontanando ulteriormente da lui ogni possibile relazione sociale. Ma un giorno Arthur non ce la fa più e reagisce violentemente, pistola alla mano. Mentre la polizia di Gotham City dà la caccia al clown killer, la popolazione lo elegge a eroe metropolitano, simbolo della rivolta degli oppressi contro l’arroganza dei ricchi.


Cast – fonte: www.comingsoon.it


Trailer


Riconoscimenti – fonte: www.mymovies.it

Il film ottenne ben undici candidature ai Premi Oscar del 2020, portandosi a casa due statuette:

Miglior attore a Joaquin Phoenix
Miglior colonna sonora a Hildur Guðnadóttir.

Le altre nomination furono:
Nomination Miglior film
Nomination Miglior regia a Todd Phillips
Nomination Miglior sceneggiatura non originale a Todd Phillips
Nomination Miglior fotografia a Lawrence Sher
Nomination Migliori costumi a Mark Bridges
Nomination Miglior montaggio a Jeff Groth
Nomination Miglior montaggio del suono a Alan Robert Murray
Nomination Miglior trucco a Nicki Ledermann
Nomination Miglior missaggio sonoro a Tom Ozanich


Curiosità – fonte: www.ilcineocchio.it

1 – Joaquin Phoenix ha perso molto peso (circa 25 chili) per il suo ruolo in Joker. Una situazione così seria che le riprese potevano essere fatte solo una volta, senza possibilità di reshooting successivi. Todd Phillips ha dovuto scrivere la sceneggiatura nel corso della produzione.

2- Il make-up usato per la faccia dal Joker è molto simile a quello di John Wayne Gacy, un noto serial killer che spesso intratteneva i bambini vestito da ‘Pogo il Clown’. Questo tipo di trucco veniva evitato dagli altri clown professionisti dell’epoca, in quanto ritenuto troppo ‘netto’ e ‘spigoloso’, e quindi troppo spaventoso per i più piccoli.

3 – La battuta “When I was a little boy and told people I was going to be comedian, everyone laughed at me. Well no one’s laughing now” è stata ispirata da quella del comico britannico Bob Monkhouse, che recitava: “People used to laugh at me when I said I wanted to be a comedian. Well they’re not laughing now.

4 – Tra le influenze più significative citate apertamente dai filmmaker ci sono il fumetto di Alan Moore The Killing Joke e i film di Martin Scorsese Taxi Driver (1976), Toro scatenato (1980) e Re per una notte (1982).

5 – Il titolo provvisorio di lavorazione del film era Romeo, per mantenere segretissimo di cosa si trattasse in realtà. Le riprese si sono svolte a New York e nel New Jersey.

6 – Viggo Mortensen ha rifiutato il ruolo di Thomas Wayne.

7 – Joaquin Phoenix ha basato la sua risata su “video di persone che soffrono di risata patologica“. Ha anche cercato di interpretare un personaggio con cui il pubblico non potesse identificarsi.

8 – Alec Baldwin è stato in trattative per interpretare Thomas Wayne, ma ha abbandonato il progetto il giorno dopo essere stato annunciato nel ruolo, a causa di conflitti nella sua agenda lavorativa.

9 – Il budget finale di Joker è stato di $55 milioni di dollari.

10 – A Shailene Woodley è stato offerto il ruolo di Sophie Dumond, ma lo ha rifiutato a causa di conflitti lavorativi con la serie Big Little Lies. Anche Mary-Elizabeth WinsteadGugu Mbatha-RawDakota Johnson e Aja Naomi King sono state considerate per la parte.

11 – Questo è il primo film live-action dell’universo ricollegabile a Batman a ricevere l’R-Rated.

12 – Secondo Todd Phillips, Joaquin Phoenix “ha perso la sua compostezza sul set, a volte suscitando lo sconcerto dei suoi colleghi sul set“. “Nel mezzo della scena, se ne andava e usciva fuori. E l’altro povero pensava che fosse per colpa sua. Ma non era mai colpa loro. Era sempre lui il problema, semplicemente sentiva di non aver interpretato bene la parte.” Joaquin Phoenix è comunque sempre ritornato in scena dopo aver preso un attimo di respiro.

13 – Joaquin Phoenix è il settimo attore a interpretare il Joker sul grande schermo. Gli altri sono stati: Cesar Romero (Batman, 1966), Jack Nicholson (Batman, 1989), Mark Hamill (Batman – La maschera del fantasma, 1993), Heath Ledger (Il cavaliere oscuro, 2008), Jared Leto (Suicide Squad, 2016) e Zach Galifianakis (LEGO Batman – Il film, 2017).

14 – Il personaggio di Sharon Worthington si chiama Debra Kane in omaggio al creatore di BatmanBob Kane.

15 – Questa versione di Joker esiste in un mondo ‘separato’ da quello dei film del DCEU come Wonder WomanAquaman Justice League. Su questo punto Todd Phillips è stato chiarissimo.

16 – Joaquin Phoenix ha definito il perfezionamento della risata del Joker la parte più dura del suo personaggio.

17 – Un primo riferimento per Todd Phillips e il co-sceneggiatore Scott Silver è stato il film muto L’uomo che ride di Paul Leni del 1928.

18 – Todd Phillips ha ‘suddiviso’ la risata del Joker in tre tipi: “La risata dell’afflizione, quella di cui ridono i ragazzi e l’autentica risata di gioia”.

19 – Nel settembre del 2017, la Warner Bros. aveva preso in considerazione l’idea di far interpretare il JokerLeonardo DiCaprio.

20 – Il nome dell’uomo dietro al Joker è Arthur FleckA. Fleck abbreviato. Potrebbe essere un qualche tipo di omaggio diretto a Ben Affleck, già interpretate di Bruce Wayne / Batman.



1 thought on “Joker

  1. Ottima recensione che rappresenta appieno le sensazioni che ho provato guardando il film, magistrale l’interpretazione di Joaquin Phoenix. Film che consiglio di vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito raccoglie i Cookie DoubleClick (per info leggi la Privacy Policy). Fai clic qui per disattivarlo.