ReviewJumps
A beautiful mind

A Beautiful Mind

2001 ‧ Film drammatico/Film d’epoca ‧ 2h 20m

Sullo sfondo di una Princeton del ‘49, uno stupefacente Russell Crowe interpreta il genio matematico Premio Nobel per l’economia John Forbes Nash jr.
A Beautiful Mind” è una straordinaria pellicola vincitrice di 4 statuette (miglior film, regia, sceneggiatura non originale ed attrice non protagonista) la cui regia è firmata dal grande Ron Howard. Il film romanza una parte della vita del genio matematico e delle sofferenze patite a causa della sua schizofrenia: elettroshock, shock insulinico, docce ghiacciate, e innumerevoli quantitativi di farmaci. Attori straordinari, colonna sonora da palmares, sceneggiatura e regia da statuetta, sono gli ingredienti di una trama che passa da un realismo oggettivo ad un incubo soggettivo. Una storia vera che colloca questa pellicola meritatamente tra i cult movie.


Trama – fonte: www.comingsoon.it

A Beautiful Mind è un film del 2001 diretto da Ron Howard, ispirato alla vita del matematico Premio Nobel, John Forbes Nash Jr. La seconda Guerra Mondiale si è da poco conclusa e John Nash (Russell Crowe), giovane e talentuoso matematico, poco incline ad osservare le usanze dei rapporti sociali, entra a Princeton.
Nash, sostenuto dall’unico amico Charles Herman (Paul Bettany) riesce a superare Adam Smith con l’applicazione delle sue teorie matematiche. Corteggiato dal MIT, che lo vuole tra i suoi ricercatori, Nash può finalmente esprimere il suo genio matematico. Mentre è costretto a tenere alcune lezioni nell’istituto, John diventa l’asso nella manica del Pentagono, per cui l’uomo decripta alcuni importanti messaggi segreti dei russi. È allora che William Parcher (Ed Harris) gli affida una missione top secret: Nash dovrà scovare le coordinate di una valigetta contenente una bomba atomica, che i russi intendono far esplodere in America.
Mentre John sembra finalmente aver trovato l’amore in Alicia Larde (Jennifer Lynn Connelly), Parcher continua ad affidargli pericolosi incarichi e lo coinvolge in una sparatoria con un gruppo di russi, armati fino ai denti. Intanto, Alicia e John si sposano ma la donna intuisce che suo marito è profondamente malato. In soccorso dell’uomo arriva il Dottor Rosen (Cristopher Plummer), che scopre che John soffre di schizofrenia paranoide. La malattia gli ha fatto immaginare di vivere una realtà inesistente, costellata da persone inesistenti, già dai tempi di Princeton.
Nash, sconvolto, si rende conto di aver immaginato gran parte della sua vita ma trova sostegno nell’amore di Alicia. In segreto, tuttavia, John decide di rifiutare gli psicofarmaci, dal momento che l’azione delle medicine gli impedisce di mostrare il suo affetto alla famiglia. Nonostante sia improbabile che un paziente con tali disturbi possa tenere a bada le psicosi solo con la sua forza di volontà, Nash sceglierà la via più impervia e dimostrerà al mondo che la sua genialità non è svanita.


Cast – fonte: trovacinema.repubblica.it


Trailer


Riconoscimenti – fonte: www.mymovies.it

Il film ottenne ben otto candidature ai Premi Oscar del 2002, portandosi a casa quattro statuette:

Miglior film
Miglior regia a Ron Howard
Miglior attrice non protagonista a Jennifer Connelly
Miglior sceneggiatura non originale a Akiva Goldsman

Le altre nomination furono:
Nomination Miglior attore a Russell Crowe
Nomination Miglior colonna sonora a James Horner
Nomination Miglior montaggio a Daniel P. Hanley
Nomination Miglior trucco a Colleen Callaghan, Greg Cannom


Curiosità – fonte: www.cinefilos.it

1 – John Nash ha visitato il set

Il reale protagonista su cui il film si basa, ovvero John Forbes Nash Jr., ha fatto visita al set del film e Russell Crowe ha dichiarato di essere rimasto affascinato dal modo in cui egli muoveva le sue mani, cercando di fare la stessa cosa nel film. Pensava che ciò lo avrebbe aiutato ad entrare nel personaggio.

2 – Un approccio diverso per dare vita i deliri del protagonista

Durante le riprese, Ron Howard, regista del film, ha deciso che i deliri di Nash sarebbero dovuti essere introdotti prima in modo udibile e poi visivamente. Questo fornisce un indizio per il pubblico e stabilisce i deliri dal punto di vista di Nash. Nella vita reale, i suoi deliri erano sempre uditivi e lo stesso protagonista ha ammesso di non averne mai avuti di visivi.

3 – Una tecnica innovativa per rappresentare le epifanie di Nash

I produttori hanno sviluppato una tecnica per questo tipo di rappresentazione. I matematici li hanno descritti come momenti quali “il senso del fumo”, “lampi di luce” e “tutto ciò che si avvicinava”, così i realizzatori hanno usato un lampo di luce su un oggetto o una persona per indicare i momenti creativi di Nash.

4 – Il film è disponibile in streaming digitale

Chi volesse vedere o rivedere questo film, è possibile farlo grazie alla sua presenza sulle varie piattaforme di streaming digitale legale come Rakuten Tv, Chili, Google Play, iTunes, Infinity e Netflix.

5 – Frasi memorabili e bellissime

Un film come A Beautiful Mind non poteva non dare vita ad una serie di frasi indimenticabili. Ecco qualche esempio:

  • “Ho bisogno di credere che qualcosa di straordinario sia possibile.” (Alicia Nash)
  • “È soltanto nelle misteriose equazioni dell’amore che si può trovare ogni ragione logica.” (John Nash)
  • “Io non credo nella fortuna, ma credo fermamente nell’assegnare un valore alle cose.” (John Nash)
  • “La crudeltà dell’uomo è pari solo alla sua fantasia.” (William Parcher)
  • “Personalmente ritengo che questo corso sarà una totale perdita del vostro e decisamente più grave del mio tempo. Tuttavia, siamo qui quindi potete frequentare o no, potete pensare o no, potete completare il compito a vostro piacimento. Abbiamo concluso.” (John Nash)
6 – John Nash poteva avere un altro volto

Pare che siano stati molti gli attori contattati per interpretare il protagonista, prima di arrivare a scegliere Russell Crowe. Tra i tanti, si menzionano Bruce Willis, John Travolta, Tom Cruise, Robert Downey Jr., Nicolas Cage, Johnny Depp, Ralph Fiennes, Brad Pitt, Mel Gibson e Gary Oldman.

7 – Sono stati fatti diversi provini per trovare il volto di Alicia Nash

Così per il protagonista, anche per il ruolo della moglie erano state scelte diverse attrici. Pare, infatti, che Charlize Theron fosse stata considerata per il ruolo, così come Emily Watson che però venne considerata troppo inglese, mentre Mira Sorvino venne considerata troppo vecchia. Alla fine, la scelta è caduta su Jennifer Connelly.

8 – Nel film appare anche la figlia del regista

Bryce Dallas Howard, figlia del regista Ron Howard, appare in un breve cameo durante il film, dopo la scena della conferenza di matematica quanto John Nash è sedato dal Dr. Rosen (Christopher Plummer), guardando nell’auto mentre si allontana.

9 – Storia di una vita vera

Questo film si ispira alla vita di John Forbes Nash Jr. nato in una famiglia borghese della Virginia occidentale nel 1928 e considerato uno dei più brillanti matematici mai esistiti, grazie anche alla sua teoria dei giochi. Purtroppo, egli era anche vittima della schizofrenia che lo ha portato da un ospedale psichiatrico all’altro, arrivando a riprendere il controllo della sua vita e tornando alle ricerche solo nel 1994.

10 – Il film si ispira ad una biografia

A Beautiful Mind è un film che si ispira liberamente al libro “Il genio dei numeri. Storia di John Nash, matematico e folle“, scritto nel 1998 dalla giornalista Sylvia Nasar. Questo libro ha avuto molto successo ed è stato anche considerato come finalista del premio Pulitzer del ’98.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito raccoglie i Cookie DoubleClick (per info leggi la Privacy Policy). Fai clic qui per disattivarlo.