La La Land

La La Land

2016 ‧ Musical/Romantico ‧ 2h 8m

[SPOILER] Sognare, amare, danzare sono i veri protagonisti di uno dei migliori tributi alla magia del cinema, interpretato da due attori in stato di grazia e firmato da un giovane di enorme talento. L’opera è La La Land ed il regista è Damien Chazelle, che ne ha scritto anche la sceneggiatura. Vestiti anni ’50, scarpette da tip tap, tramonti rosa e fiocchi di neve, canzoni magiche e balli fra le stelle, e poi ancora sorrisi, sospiri, lacrime sono gli ingredienti di questa meravigliosa pellicola meritatamente pluripremiata, direi anche da record in termini di nomination, ben 14 nella serata degli Academy Awards del 2017. La La Land è una riflessione sul cinema che fu, sulla vita, sull’amore, e soprattutto sui sogni. Sebbene il Musical è considerato un genere a rischio, Chazelle ha scommesso contro ogni pronostico ed ha vinto, con la funesta ed affascinante storia di Mia (Emma Stone) e di Sebastian (Ryan Gosling) “vittime” dei loro sogni di vita diversi. Mia lavora come cameriera in un bar all’interno degli studi della Warner Bros. ed il suo sogno è diventare un giorno un’attrice, mentre Sebastian è un pianista jazz che fa pianobar per sopravvivere con il sogno di aprire il proprio jazz club. Si “scontrano” in una Los Angeles intrisa di cinema, in cui i moli diventano palcoscenici e le feste sono a bordo piscina. Il loro amore intenso viene spezzato dai loro sogni, rendendo un omaggio a grandi pellicole come Cantando sotto la pioggia, Un americano a Parigi, West Side Story ed altri, un’opera del tutto contemporanea. La rabbia, l’imbarazzo, le difficoltà della gioventù sono problemi del nostro tempo in cui i due giovani protagonisti devono districarsi. Una parte della critica accusa Chazelle di essere cinico, di aver dato importanza alla realizzazione dei propri sogni a scapito dell’amore fra Mia e Sebastian. Ma non credo sia così. Anche se Mia e Sebastian alla fine realizzano i propri sogni, Chazelle ci mostra come poteva essere con un finale alternativo in cui sono felicemente sposati, ma la realtà è che quando le note tacciono, Mia e suo marito se ne vanno, mostrando una donna indipendente e felice che ha vissuto una storia d’amore sbagliata. Questa è la dimostrazione che per essere icone femministe non è vero che bisogna essere single incallite, ma si può amare, sbagliare, credere e disilludersi e poi amare ancora, ma prima di ogni cosa comprendere che il primo passo da fare è amare se stesse.

 


Trama – fonte: www.comingsoon.it

La La Land è un film del 2016 diretto da Damien Chazelle. Il film è realizzato come musical contemporaneo, dove Los Angeles, la terra dei sogni, fa da sfondo all’intensa storia d’amore tra un’aspirante attrice e un musicista jazz. Mia (Emma Stone) è una ragazza determinata a inseguire il proprio sogno di diventare attrice e tra un provino e un altro serve caffè in un bar all’interno degli Hollywood Studios, mentre Sebastian (Ryan Gosling) è un bravo jazzista che, nell’attesa di aprirsi un locale tutto suo, si guadagna da vivere suonando nei piano bar anche se ciò lo rende profondamente insoddisfatto. Dopo l’ennesimo provino andato male, Mia viene convinta dalle sue amiche ad andare a una festa sulle colline di Hollywood e mentre rientra a casa a piedi, Mia è attirata da una musica proveniente da un locale, in cui decide di entrare. Lì si imbatterà per la prima volta in Sebastian, che proprio in quel momento viene licenziato dal proprietario del ristorante, colpevole di aver improvvisato musica jazz al pianoforte anziché attenersi alla scaletta di classici natalizi per i clienti. Successivamente, dopo una serie di incontri casuali, tra Mia e Sebastian si crea un rapporto d’amicizia fatto di scontri e incontri, fino a quando tra i due esploderà una travolgente passione alimentata dalla condivisione di aspirazioni comuni, da sogni intrecciati e da una complicità fatta di incoraggiamento e sostegno reciproco. Ma proprio quando inizieranno ad arrivare i primi successi, i due si dovranno confrontare con importanti scelte e con le loro ambizioni professionali, le quali rimetteranno in discussione il loro rapporto. La minaccia più grande sarà rappresentata infatti dalla loro volontà di inseguire i rispettivi sogni. Tra musiche emozionanti e balletti travolgenti, Mia e Sebastian proveranno a cercare i compromessi necessari per raggiungere i propri sogni senza dover rinunciare alla loro intensa e burrascosa storia d’amore.


Cast – fonte: www.comingsoon.it


Trailer


Riconoscimenti – fonte: www.mymovies.it

Il film ottenne ben quattordici candidature ai Premi Oscar del 2017, portandosi a casa sei statuette:
Miglior regia a Damien Chazelle
Miglior attrice a Emma Stone
Miglior fotografia a Linus Sandgren
Miglior colonna sonora originale a Justin Hurwitz
Miglior canzone a City Of Stars
Miglior scenografia a David Wasco

Le altre nomination furono:
Nomination Miglior film
Nomination Miglior attore a Ryan Gosling
Nomination Miglior sceneggiatura originale a Damien Chazelle
Nomination Migliori costumi a Mary Zophres
Nomination Miglior montaggio a Tom Cross
Nomination Miglior Canzone a Audition (The fools who dream)
Nomination Miglior suono a Andy Nelson
Nomination Miglior montaggio del suono a Mildred Iatrou Morgan


Curiosità – fonte: www.lascimmiapensa.com

1. Secondo il compositore Justin Hurwitz, tutte le sequenze in cui veniva suonato il pianoforte erano state precedentemente riprodotte dal pianista Randy Kerber, durante la pre-produzione. Ryan Gosling, dopo, spese due ore al giorno sei giorni a settimane facendo lezioni di piano ed imparando la musica con il cuore. Quando iniziarono le riprese tutte le scene del film in cui Sebastian avrebbe dovuto suonare il piano sono state girate senza l’uso della CGI perché Gosling era in grado di suonare i pezzi.

2. Ryan Gosling girò tutte le scene in cui suonava nel primo giorno di riprese. John Legend, che è un pianista, disse di esser geloso di quanto velocemente Gosling abbia imparato a suonare bene.

3. John Legend cantante e pianista ha dovuto a sua volta imparare a suonare la chitarra per questo ruolo.

4. La scena dell’audizione in cui Mia viene interrotta mentre piange da una telefonata è ispirata ad un vero provino di Ryan Gosling.

5. Emma Watson ha lasciato il ruolo di Mia per poter girare La Bella e la Bestia, mentre Ryan Gosling ha lasciato il suo ruolo di Bestia per apparire in La La Land. Stranamente, sono entrambi musical. (La Stone ringrazia per l’Oscar, comunque).

6. Il film è stato girato in otto settimane durante il corso dell’estate del 2015.

7. Il film è stato registrato negli stessi studi di altri celeberrimi musical della MGM, tra cui ad esempio, Cantando sotto la pioggia e Il mago di Oz.

8. La trama ha forti richiami alla vita personale di Emma Stone. La storia ed il film sono ambientati a Los Angeles e Mia ha lasciato il college per perseguire il suo sogno di diventare un’attrice. Anche la Stone ha lasciato la scuola a 15 anni per lo stesso motivo, raggiungendo L.A. sognando di diventare un’attrice, tutti richiami casuali perché quando Damien Chazelle ha scritto questa sceneggiatura non aveva idea che Emma Stone avrebbe interpretato Mia.

9. Sebastian non si presenta a Mia e lei non lo chiama mai per nome in tutta la durata del film. (Sappiamo che conosceva il suo nome solo perché consiglia lui di chiamare il locale di jazz che vorrebbe aprire con un diminutivo del suo nome, Sebastian).

10. La La Land condivide il record per il numero di candidature agli Oscar (14) insieme a Titanic ed Eva contro Eva. La La Land è l’unico a non aver vinto come Miglior Film.

11. Damien Chazelle ideò La La Land mentre studiava ad Harvard insieme al compositore di film Justin Hurwitz. Scrisse la sceneggiatura nel 2010, ma ebbe difficoltà nel trovare uno studio che gli producesse il film. Comunque, dopo il grande successo di Whiplash nel 2014, Summit Entertainment accettò di produrre la pellicola.

12. Per la sequenza iniziale “Another day of Sun” sono stati utilizzati “soltanto” trenta ballerini. La maggior parte della gente e delle auto sono state post-prodotte grazie
alla CGI.

13. Con la sola eccezione della scene d’apertura (Another Day of Sun) Mia o Sebastian appaiono in ogni scena del film. Questa caratteristica era anche presente in Whiplash, il precedente film di Damien Chazelle. Infatti il personaggio di Miles Teller, Andrew, è presente in ogni scena del film.

14. Emma Stone ripetette nove volte la scena “Audition (The Fools Who Dream)”. Damien Chazelle scelse la seconda prova per il film.

15. Emma Stone canta “Audition (The Fools Who Dream)” live. Lei decise quando passare da dialogo a cantato. Non vi era una traccia pre-registrata, infatti il compositore Justin Hurwitz suonava il piano in un’altra stanza mentre lei lo sentiva nelle sue orecchie. Il regista, Damien Chazelle disse che questo venne fatto in modo da dare più controllo della scena ad Emma.

16. Il primo film girato interamente in pellicola a vincere un Oscar per la Migliore Fotografia dopo Inception, vincitore 6 anni prima.

17. Damien Chazelle scelse Emma Stone dopo averla vista recitare come Sally Bowles in una produzione Broadway di Cabaret durante il 2014 e il 2015.

18. Chazelle è il primo regista a vincere l’oscar come Miglior Regista per un musical da Cabaret (1972). Chazelle è anche il primo regista a vincere quell’Oscar per un musical originale da Vincente Minnelli per Gigi (1958).

19. Il trucco di Sebastian per ritrovare l’auto funziona davvero, ma non causa il cancro.

20. La La Land ha infranto ogni record riguardo i Golden Globe. Vincendo in sette categorie ha superato il record di Qualcuno volò sul nido del cuculo e Fuga di Mezzanotte, e ha battuto ulteriormente la pellicola di Milos Foreman per quanto riguarda le nomination, venendo nominato sette volte e vincendo in ogni categoria candidata.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito raccoglie i Cookie DoubleClick (per info leggi la Privacy Policy). Fai clic qui per disattivarlo.